Fiscal devaluation and relative prices: evidence from the Euro area

 Arachi G., Assisi D. (2020). International Tax and Public Finance, 1-32.

 

È possibile riformare il nostro sistema fiscale per favorire la crescita economica?

Da diversi anni le organizzazioni internazionali come l’OCSE e la Commissione Europea sostengono che sia effettivamente possibile ordinare le varie imposte a seconda dei loro effetti sull’economia: da quelle che sono ritenute più dannose per la crescita, le imposte sul capitale e sul lavoro, a quelle che appaiono più neutrali, come le imposte sui consumi e sul patrimonio, suggerendo quindi di spostare il carico fiscale dalle prime alle seconde. In particolare, la Commissione Europea nelle sue raccomandazioni annuali ha più volte invitato il nostro paese a procedere ad un ribilanciamento delle imposte (cosiddetto tax shift) mediante una riduzione del prelievo sul lavoro compensata da un aumento dell’IVA. Il canale attraverso il quale lo scambio imposte sul lavoro/IVA dovrebbe favorire la crescita è l’aumento di competitività per le nostre imprese. Infatti, come già osservato da Keynes negli anni ’30 la variazione delle imposte può in teoria riprodurre gli effetti di una svalutazione del cambio nominale.

Per comprendere il meccanismo di tale ribilanciamento, noto in letteratura come “svalutazione fiscale”, si consideri una riduzione dei contributi a carico dei datori di lavoro compensata da un aumento dell’IVA. Nel breve periodo, data la rigidità dei salari nominali fissati dai contratti, la riduzione dei contributi sociali a carico dei datori di lavoro dovrebbe tradursi in un abbassamento del costo del lavoro, riversando i suoi effetti sui beni prodotti sul territorio nazionale destinati sia al mercato interno che all’esportazione. L’aumento dell’IVA colpirebbe invece tutti i beni consumati dai residenti, sia provenienti da produzione interna che da importazioni. Non ne sarebbero invece colpite le esportazioni, non imponibili ai fini IVA. Complessivamente, quindi, si realizzerebbe un aumento del costo dei beni importati rispetto ai beni prodotti sul territorio nazionale.

La possibilità di poter replicare gli effetti di una svalutazione del cambio nominale è ovviamente una prospettiva particolarmente interessante per i paesi in un regime di cambi fissi o che, come l’Italia, fanno parte di un’unione monetaria. Tuttavia, sebbene la teoria appaia convincente, la letteratura empirica non è ancora in grado di confermare se e in che misura una svalutazione fiscale possa tradursi effettivamente in un miglioramento delle ragioni di scambio di un paese.

Un recente lavoro di Giampaolo Arachi e Debora Assisi, Fiscal devaluation and relative prices: evidence from the Euro area,pubblicato su International Tax and Public Finance contribuisce a colmare questa lacuna analizzando gli effetti di variazioni dei contributi sociali e dell’IVA negli 11 paesi che hanno aderito all’unione monetaria europea sin dal 1999.

Lo studio dimostra che quando le riforme fiscali dei paesi nella zona euro si muovono in direzioni opposte, con un paese che svaluta fiscalmente mentre i suoi partner commerciali realizzano una rivalutazione fiscale, si verifica effettivamente nel breve periodo un deprezzamento sia del tasso di cambio reale effettivo che delle ragioni di scambio in accordo con quanto previsto dalla teoria. In media, tuttavia, gli effetti sono piuttosto deboli tanto che in alcuni casi non si può statisticamente escludere che siano diversi da zero. Coerentemente, si osserva un miglioramento, sempre in media fra i paesi, delle esportazioni nette, ma anche in questo caso l’effetto non è statisticamente significativo. Per tutte le variabili studiate, infine, gli effetti si annullano totalmente nel lungo periodo.

Il lavoro evidenzia tuttavia che gli effetti risultano essere significativamente diversi nei singoli paesi. Queste differenze sono illustrate dalla Figura 1.

Figura 1. Effetti specifici per-paese di una svalutazione fiscale

grafico 12 2020

 

Note: Gli effetti sono calcolati mediando l’impatto di una svalutazione fiscale dell’1% per ogni singolo paese e di una rivalutazione fiscale (dello stesso ammontare) da parte dei partner commerciali. Le variabili fiscali sono calcolate prendendo le aliquote implicite e mantenendo costante la base imponibile consumo. Le diverse sfumature enfatizzano la significatività statistica.

Per l’Italia, ad esempio, a differenza di tutti gli altri paesi, non si osserva un deprezzamento del tasso di cambio reale effettivo nel breve periodo. Un deprezzamento statisticamente significativo si trova, invece, per la Finlandia e l’Irlanda. Risultati ancor più eterogenei si osservano per le ragioni di scambio, che non evidenziano una chiara tendenza verso un deprezzamento di breve periodo. Per quel che riguarda le esportazioni nette, infine, per quasi tutti i paesi si osserva un effetto positivo della politica fiscale. Una eccezione è l’Irlanda, per la quale, nonostante il significativo deprezzamento del tasso di cambio reale effettivo, la bilancia commerciale peggiora nel breve periodo. Guardando agli effetti di lungo periodo, questi in generale si muovono in direzioni opposte rispetto a quelli di breve periodo, a conferma che l’impatto della svalutazione, anche quando coerente con quanto previsto dalla teoria, tende ad attutirsi o anche invertirsi con il passare del tempo.

Concludendo, lo studio mostra che le predizioni teoriche sulla svalutazione fiscale non trovano una conferma definitiva nei dati reali. Gli effetti, sia sui prezzi relativi che sulle quantità, sono infatti piuttosto deboli. Ancor più importante, l’impatto della svalutazione è molto eterogeneo fra i vari Paesi. Da questo discendono due indicazioni per la politica economica. La prima è che l’utilizzo della leva della svalutazione fiscale deve essere valutato sulla base delle caratteristiche del singolo Paese. Per l’Italia gli effetti sembrano complessivamente positivi, con un miglioramento delle esportazioni nette nel breve periodo. La seconda è che, anche nei casi in cui appare utile, la svalutazione fiscale non sembra poter dare un contributo risolutivo per il recupero di competitività internazionale.

 

Vai all'articolo originale

 

 

 

Local government

 
Italian Version English Version    

How to design decentralisation to curb secessionist pressures? Top-down vs. bottom-up reforms (Cerniglia F., Longaretti R., Zanardi A.)

Italian Version English Version

The sacred and the profane of budget cycles: evidence from Italian municipalities (Revelli F., Zotti R.)

Italian Version English Version              

Political competition, tax salience and accountability Theory and evidence from Italy. (Bracco E., Porcelli F., Redoano M.)

Italian Version English Version  

Council size, government spending and efficiency. Evidence from a quasi-experimental design for italian municipalities (De Benedetto M. A.)

Italian fiscal system: theory and policy

 
Italian Version English Version    

Balancing the equity-efficiency trade-off in personal income taxation: an evolutionary approach (Pellegrino S., Perboli G., Squillero G.)

Italian Version English Version    

The heterogeneous effects of labor informality on VAT revenues: Evidence on a developed country (Di Caro P., Sacchi A.)

Italian Version English Version    

Problems and perspectives of the Italian fiscal system: from theory to policy

Italian Version English Version    

MIRRLEES’ AND DE VITI DE MARCO’S FISCAL SYSTEMS. New insights from the history of economic thought. (Vitaletti G.)

Welfare programs / Pensions

Italian Version English Version    

Grandparental availability for child care and maternal labor force participation: pension reform evidence from Italy (Bratti M., Frattini T., Scervini F.)

Gender gaps in political empowerment

Italian Version English Version    

Let the voters choose women (Baltrunaite A., Casarico A., Profeta P., Savio G.)

Fiscal decentralization and health

 
Italian Version English Version    

Does fiscal decentralization affect regional disparities in health? Quasi-experimental evidence from Italy ( Di Novi C. , Piacenza M., Robone S., Turati G.)

International fiscal issues

 
Italian Version English Version    

Fiscal devaluation and relative prices: evidence from the Euro area (Arachi G., Assisi D.)

Covid 19

 
Italian Version English Version  

The “Great Lockdown” and its determinants (Ferraresi M., Kotsogiannis C., Rizzo L., Secomandi R.)

Health issues and Healthcare provision

 
Italian Version English Version    

Does higher Institutional Quality improve the Appropriateness of Healthcare Provision? (De Luca G., Lisi D., Martorana M., Siciliani L.)

Social Capital

 
Italian Version English Version  

Was Banfield right? New insights from a nationwide laboratory experiment (Aassve A., Conzo P., Mattioli F.)